login

AMATORI RUGBY CAPOTERRA VS CUS MILANO RUGBY 19-18

  • Scritto da 
  • Pubblicato in Serie B
  • Letto 1653 volte
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(2 Voti)

Vittoria sofferta del cuore della tenacia e dell'impegno, di misura e con tanta sofferenza, ma comunque vittoria e punti per la classifica.

Il Capoterra ha ragione del CUS Milano, al termine di un match sofferto ma anche autorevolmente gestito, con attenzione tattica e con grande volontà di tutti i giocatori. La squadra appare più sicura delle proprie potenzialità, così come dimostra di conoscere esattamente i suoi limiti, ad i quali adegua il suo gioco. La mischia del CUS Milano appare più organizzata, al cospetto di quella capoterrese, che vede due assoluti esordienti nel ruolo di titolari, Dario Carrone a pilone sinistro e Francesco Scano terza linea (al posto di Ciprietti e Pinna, entrambi infortunati. I due giovanissimi portano al termine una partita più che dignitosa, svolgendo perfettamente il compito assegnato dall'allenatore. Superlativa la prova di Poloni (man of the match) che risolve spesso il problema della mischia chiusa inducendo al fallo sistematico il pilone sinistro del CUS Milano, oltre che conquistando diverse punizioni che Mattia Aru ha trasformato in preziosi punti per la vittoria (6 su 7 il suo score finale).

Il gioco alla mano ha vissuto buoni momenti, anche se non è stata continua, in quanto la prevalenza sul possesso è stata di Milano. Dal gioco alla mano sono venute le azioni più pericolose dei sardi. Prima azione e prima meta per il Capoterra, che con una veloce giocata centrale buca la difesa lombarda al centro e porta Michel in mezzo ai pali, trasforma Aru per il 7 a zero. Pochi minuti dopo altra giocata al centro con i trequarti che portano Solinas a pochi metri dalla seconda segnatura. La pressione del Capoterra è continua in questa fase e porta al calcio piazzato di Aru al 12°, per il momentaneo 10 a 0.

Il CUS accenna una reazione, cercando sistematicamente la touche, fase forte del gioco lombardo, ma che ha trovato una solida difesa del Capoterra. Al 14° piazzato del Milano fallito da Bestetti - giornata nera per lui - al 26° altro piazzato questa volta trasformato dal 10 lombardo, subito replicato da Aru al 29°. Il Capoterra chiude la prima frazione in quattordici per un giallo comminato a Peddio al 30°.

Si apre il secondo tempo con i primi cambi per il Milano, che forte di una panchina più lunga di quella isolana, sostituisce in prima linea Romano con Parisi e Mc Allister con Boggioni in seconda. Il CUS occupa stabilmente la metà campo in attacco, e segna la meta al 9° con Salerno, quattro minuti più tardi altro piazzato di Aru per il Capoterra.
Un minuto dopo, da un placcaggio sbagliato in mezzo al campo si innesca l'azione che porta Milano alla seconda segnatura pesante con Cederna E., anche in questo caso non trasformata da Bestetti. Cambi per il Capoterra, escono Scano e capitan Garau per Bousmina e Fontana. Al 19° altra punizione realizzata da Aru per il 19 a 13. Cambi ancora per Capoterra, escono A. Baire e Dessì per G. Baire e Ambus. Cambia anche la mediana del Capoterra che adesso vede Michel all'apertura e Ambus a mediano di mischia.

Giallo a Cederna L. per placcaggio in aria su Thioye al 21°; il CUS con un ulteriore sforzo sfrutta una maul a pochi metri dalla linea di meta per sfondare e realizzare i cinque punti. Punteggio sul 19 a 18. Il Capoterra perde Sainas per cartellino rosso, e rimane in quattordici per gli ultimi dodici minuti, il CUS immette forze fresche con Spadoni per Cederna L., ma il Capoterra, con molto ordine e senza più rischiare, porta a casa la vittoria. Migliorata sotto il profilo della disciplina il Capoterra denuncia ancora i limiti negli avanti. Maggiore sagacia tattica e freddezza nei momenti topici, danno dimostrazione di una squadra coesa e determinata.

Non resta che doverosamente ringraziare il pubblico che calorosamente ci sostiene, ed è sempre presente numeroso alle partite. Prossima trasfera a Parma, contro la rinnovata compagine emiliana, che presenta nello staff De Maligny, vecchia conoscenza del rugby azzurro.

La partita contro il CUS Milano, verrà trasmessa da TCS (Canale 13), martedì 3 novembre alle ore 22:00.

Tempo sereno, temperatura 21º.

Spettatori: 450 c.a.

Tabellini: 1º Tempo : 1° Mt. Michel (C) Tr. Aru M.(C) - 12° CP Aru M. (C) - 26° CP Bestetti (M) ***
2º Tempo: 9º Mt. Salerno (M) - 13° CP Aru M. (C) - 14° Mt. Cederna E. (M) - 19° CP Aru M. (C) - 27° Mt. Maul (M).
Cartellini Gialli: 30° Peddio R.(C), 61° Cederna L. (M).
Cartellini Rossi: 69° Sainas G.
Punti classifica (4-1)

Amatori Capoterra: Aru M., Dessì P. (Out 60°), Garau M.(Cap)(Out 56°), Solinas F., Francesio J.S.(V.Cap), Baire A. (Out 60°), Michel F.J., Sainas G., Mariottini F., Scano F. (Out 56°), Thioye P.E.M., Peddio R., Poloni J.L., Garau N.M., Carrone D., Carboni M., Porceddu C.A., Fontana M. (In 56°), Ambus G. (In 60°), Baire G. (In 60°),Loddo E.(In 56°), Bousmina M.. Allenatore: Francesio J.S..
Cus Milano: Molinaro, Cederna E., Cederna L., Viganò, Lagoussis, Bestetti, Colombo, Silini, Salerno, DeSimoni, Mc Allister, Morabito, Cominotto, Beretta, Romano, Parisi, D'Urbino, Valtorta, Boggioni, Albano, Spadoni, Brambilla. Allenatore: Ragusi G.

Arbitro: Cesare Onori, GdL: Piscedda G. - Scioni M.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Login o crea un account

fb iconConnettiti con Facebook