login
Amatori Rugby Capoterra

Amatori Rugby Capoterra

URL del sito web:

TRASFERTA DERBY SERIE B NOVACO ALGHERO VS AMATORI CAPOTERRA

L’Amatori Capoterra organizza un pullman per i tifosi in occasione della trasferta ad Alghero per la partita, valevole per il campionato di Serie B, che si disputerà domenica 7 dicembre 2014

I posti a disposizione sono 30. La quota di partecipazione è di 25,00 euro a persona e dovrà essere versata al momento dell’iscrizione. Il termine ultimo è giovedì 4 dicembre. Le quote verranno raccolte presso:

- Arcadia Pub Via Satta 25 - Capoterra
- O’Connell Pub Via Sardegna 11 – Capoterra
- Segreteria Amatori Capoterra c/o Campo Sportivo Comunale, Via Trento - Capoterra - Container bianco retro spalti: martedì, mercoledì e venerdì dalle h.17,00 alle h.20,00
- Clubhouse in occasione della partita casalinga Amatori Capoterra Vs Bergamo 1950 di domenica 30/11/2014.

All’atto di iscrizione verranno richiesti nominativo e numero di telefono cellulare (utile per la comunicazione dell’orario e del luogo di partenza). Qualora non si raggiungesse il numero minimo di partecipanti le quote verranno restituite secondo le medesime modalità.

N.B. La quota non comprende il biglietto d’ingresso allo stadio.

RICORDO DI TULLIO REGGE AMICO DEL RUGBY

Il 23/10/2014 è morto all'età di 83 anni Tullio Regge, uno dei massimi fisici teorici contemporanei

Da giovane è stato un buon giocatore di rugby, fino a che non è stato colpito da una forma di distrofia muscolare, che lo ha progressivamente ridotto su una sedia a rotelle.

Laureato in Fisica a Torino nel 1952, conseguì il Dottorato di Ricerca all'Università di Rochester nel 1956. Dopo aver svolto la sua attività di ricerca in varie università europee ed americane, nel 1961 ottenne la cattedra di Fisica Teorica al Politecnico di Torino. Coloro che hanno sudato le classiche sette camicie sulla teoria dell'interazione forte e sulla teoria della relatività generale non possono scordare i "Poli di Regge" né il cosiddetto "Calcolo di Regge". Gli è stato dedicato un asteroide, 3778 Regge.

Ci uniamo al dolore della famiglia e della comunità scientifica internazionale per la scomparsa di un amico del rugby. Gli sia lieve la terra.

 

FACCIAMO CONOSCENZA CON DUE GIOCATORI DELLA PRIMA LINEA

nato nel 1999, 168 cm per 78 Kg. Tallonatore (hooker) Andrea Guanziroli

"Uno dei ruoli più tecnici. Il rugby moderno lo equipara a una terza linea. Deve la sua vita ai piloni che lo sorreggono e gli consentono di contendere il pallone agli avversari in mischia chiusa. Dicono che i tallonatori siano pazzi."

Andrea si è avvicinato al rugby nella stagione 2011-2012, nell'Under 14, seguendo il suggerimento di un compagno di classe. 

"Il rugby mi piace perché la squadra conta molto", ci dice Andrea. "E' uno sport che si adatta alla mia personalità". Poi aggiunge: "Quest'anno mi prefiggo due obiettivi principali: migliorare il mio affiatamento con la squadra e conseguire almeno una meta di sfondamento". Andrea frequenta la terza classe del Liceo Scientifico Atzeni di Capoterra e dopo la maturità pensa di proseguire gli studi ed iscriversi a Ingegneria Informatica o Fisica. "Il mio hobby preferito sono di gran lunga i videogiochi, soprattutto quelli di squadra da giocare in rete", ci dice. "Mi piace anche ascoltare le canzoni dei grandi cantautori italiani, in particolare Guccini e De André".

nato nel 1999, 168 cm per 100 Kg. Pilone destro (tight head prop) Alessandro Noemi

"Un vecchio adagio dice che le squadre si costruiscono partendo dal pilone destro. Può essere. Non è un caso che chi deve tenere sulle proprie spalle gran parte della mischia sia anche uno dei più ricercati in assoluto. Merce rara il pilone destro. Deve essere veramente grosso. Oltre che tecnico."

Alessandro ha iniziato dall'under 14, circa 3 anni fa. 

"Un amico mi ha consigliato il rugby" ci dice Alessandro, "poi mi è piaciuto e ho continuato"."In questa stagione intendo migliorare la mia tecnica", aggiunge poi. Alessandro frequenta l'Istituto Tecnico Industriale Marconi di Cagliari. "Dopo il conseguimento del Diploma vorrei lavorare con mio padre nella sua azienda di impianti elettrici",ci dice non senza un pizzico di orgoglio. I suoi hobby preferiti sono l'informatica e la bici. I generi musicali prediletti sono reggeaton e dubstep.

NdR: le definizioni dei ruoli in virgolettato sono estratte dal siro onrugby.it

ACCADEMIA CAGLIARI VS AMATORI CAPOTERRA 32-10

Inizio di campionato faticoso per i ragazzi del Capoterra

La prima del calendario regionale è stata anticipata al sabato 18 e giocata, su richiesta d'inversione del campo dell'Accademia, al Comunale di Capoterra.

L'inizio della stagione per l'Under 16 di Capoterra è stata un po' problematica: alcuni ragazzi che facevano parte della squadra nello scorso campionato ancora non hanno ripreso gli allenamenti, ed è mancato quasi completamente l'apporto dei nati nel 2000, che nella passata stagione facevano parte della rappresentativa U14.

Fortunatamente, al nucleo storico della squadra si sono aggiunti alcuni nuovi elementi, e per i quali la prima di campionata ha rappresentato l'esordio al rugby agonistico. Contati numericamente ed ancora in ritardo di preparazione, il rendimento della squadra ne ha sofferto durante la partita.

Nel primo tempo, il Cagliari ha realizzato due mete, senza riuscire a trasformarle, mentre il Capoterra non è riuscito a concretizzare alcuni periodi di pressione nella metà campo cagliaritana; si và al riposo con il risultato di 10 a 0 a favore dell'Accademia.

Il secondo tempo ha seguito la falsariga del primo, il XV del Capoterra ha dato prova di carattere lottando su ogni pallone, e dopo che gli ospiti hanno realizzato la loro terza meta, Luca Falda, al termine di una azione corale, ha depositato l'ovale oltre la linea di meta, portando il parziale sul 15-5. Altre azioni individuali dei cagliaritani hanno fruttato altre 3 mete, delle quali solo una è stata trasformata. Sul finire della partita, dando prova di grande orgoglio e attaccamento ai colori della squadra, i nostri giocatori si sono avvicinati più volte alla linea di meta, riuscendo allo scadere della partita a segnare, con Lorenzo Celembrini, la seconda meta per un punteggio finale di 32 a 10.

Sconfitta magari prevedibile ma niente è compromesso, trattandosi della prima di campionato, nella quale i ragazzi hanno dimostrato un forte attaccamento ai colori della Società concludendo la partita in crescendo. In ogni caso dimostrando grinta ed orgoglio, e, seppure sconfitti, sono usciti a testa alta dal campo, coscienti di aver dato tutto quanto avevano per onorare il match.

Con questo spirito non potranno fare altro che crescere, una crescita che si attende l'allenatore e la società. Sarà necessario rinforzare numericamente i ranghi, recuperando quei giocatori che si sono dispersi, attivando il percorso scuole ed il passa parola in ambito comunale.

Amatori Capoterra: V.Pierotti, A.Guanziroli, A.Noemi, D.Mullano, E.E.Setzu, D.Raffo, L.Falda, S.Farris, G.Dessì, L.Celembrini, A.Podda, L.Cojana, D.Orsatti, G.Mulas, D.Marcucci.

PRESENTAZIONE DELLA SQUADRA UNDER 16

Si comincia dall'allenatore e non solo... Carlo Atzori
  • Buongiorno, Carlo. Ti vuoi rapidamente presentare?
    • Sono Carlo Atzori, ho 38 anni e sono il proprietario del O'Connell Old Irish Pub di Capoterra.
  • Qual è il tuo ruolo nella squadra?
    • Sono l'allenatore ... forse, O forse educatore, sociologo, psicologo, zio, amico e chi più ne ha, più ne metta.
  • Da quando ti occupi di rugby?
    • Da quando sono nato. Probabile però ... anche da prima.
  • Come hai scelto il rugby? O l'hai ereditato?
    • Non l’ho scelto: ci son nato; mio padre (ex arbitro di calcio) è colui che portò per la prima volta un pallone da rugby a Capoterra, quindi non avevo scelta.
  • Perché un ragazzo dovrebbe avvicinarsi al rugby?
    • Lo consiglierei per i suoi valori di lealtà, fratellanza, spirito di squadra e per… il Terzo Tempo!
  • Che ruolo coprivi, da giocatore?
    • Mediano di mischia, apertura, centro, ala, estremo, panchina; oggi si direbbe "utility back".
  • Che obiettivi ti poni, per la stagione 2014-2015?
    • Dal punto di vista tecnico, cercare di preparare i ragazzi al passaggio da un livello juniores a quello seniores. Per il resto, far conoscere e insegnare loro i valori dello sport in generale e del nostro in particolare; far capire loro il valore e il senso di appartenenza a questo Club. Il rugby si gioca in tutta Italia, ma giocare nell’Amatori rugby Capoterra ha un significato particolare.
  • Per finire, ci vuoi dire quali sono i tuoi hobby?
    • Prima degli hobby c’è la famiglia (tralascio il lavoro…), moglie e due figli, Alessandro 5 anni e Giacomo 3 mesi. La speranza di molti è che diventino bravi rugbysti (qualcuno dice almeno quanto il padre), la mia che siano “sportivi”. Nel poco tempo libero mi dedico ad arbitrare qualche partita, ma la mia nuova passione è il Triathlon. Obiettivi una maratona (perchè la mezza ormai è troppo breve) ed un Ironman (il mezzo dura troppo poco... per me solo 7 ore). Nonostante i colpi presi giocando per 30 anni circa non sono un pazzo, anche se per fare certi sport una dose di pazzia ci vuole!
  • Desideri aggiungere un messaggio a chi ci legge?
    • Vorrei dare un consiglio a tutti i genitori: insegniamo ai nostri figli che nel vocabolario non esiste la frase “non ce la faccio” perché“ il limite non sta nelle nostre gambe, sta nella nostra testa…”.
  • Grazie, Carlo. A presto.
    • E' stato un piacere. A si biri!

CAMPIONATO UNDER 16 2014-2015

1 Giornata: ACCADEMIA CAGLIARI Vs AMATORI CAPOTERRA

Inversione di campo richiesta dall'Accademia Cagliari, la gara è stata anticipata a Sabato 18 ottobre 2014 alle ore 18 al campo comunale di Via Trento a Capoterra.

Tutti al campo a tifare per l'esordio della nostra giovanile nel campionato.

UNDER 18: 3 CONVOCATI IN PRIMA SQUADRA

Iniziano ad arrivare i primi risultati dal settore giovanile.

Nell'amichevole pre campionato che l'Amatori Capoterra ha disputato contro l'Amatori Alghero sono arrivate le prime convocazioni per i ragazzi Under 18.

Gli atleti convocati sono le terze linee Andrea Porceddu (1996) e Francesco Scano (1997) ed il trequarti Luca Asili (1996), Porceddu ha poi esordito in serie B, nella vittoriosa partita contro il VII Torino.

Il lavoro fatto dal tecnico Sebastiano Meloni inizia a ripagare, lo staff tecnico si è arricchito del capitano della prima squadra Marcello Garau, che segue i trequarti ed il mediano di mischia Gabriele Ambus che assiste la mediana, infine ha fatto ingresso nello Staff anche il validissimo preparatore atletico Stefano Caneo.

Gli allenamenti si susseguono in attesa della prima di campionato, che si terrà al comunale di Capoterra il 19 ottobre contro il Sinnai.

CAMPIONATO UNDER 16 2014-2015

Domenica 12 ottobre inizia il nuovo campionato U16 che vedrà la partecipazione di 6 squadre:

  • ASD Alguerugby Alghero (nota come "Alguer")
  • Accademia Cagliari
  • Amatori Rugby Capoterra
  • Olbia Rugby 1982 ASD
  • Oristano Rugby ASD
  • 7 Fradis Rugby Club Sinnai

Come negli anni passati, il campionato si svolgerà in due fasi.

La prima fase, diciamo così, di "riscaldamento", sarà suddivisa in due gironi di 3 squadre ciascuno, con partite di andata e ritorno:

  • Girone 1: Cagliari, Capoterra, Sinnai
  • Girone 2: Alghero, Olbia, Oristano

La seconda fase, decisiva, consisterà in un girone unico all'italiana con partite di andata e ritorno. La prima classificata nella seconda fase parteciperà alla Fase dell'Area 2: Veneto - Sardegna.

Il calendario della prima fase è il seguente:

Andata prima fase

12/10/2014 Sinnai - Cagliari Olbia - Alguer
19/10/2014 Cagliari - Capoterra Alguer - Oristano
26/10/2014 Capoterra - Sinnai Oristano - Olbia

Ritorno seconda fase

09/11/2014 Capoterra - Cagliari Oristano - Alguer
16/11/2014 Sinnai - Capoterra Olbia - Oristano
30/11/2014 Cagliari - Sinnai Alguer - Olbia

Il girone della seconda fase, il cui calendario non è ancora stato definito nei dettagli, inizierà il 7 dicembre per concludersi il 3 maggio del 2015.

L'Amatori Capoterra punta a migliorarsi in termini di gioco e di risultati, rispetto al risultato finale dell'anno scorso che si è chiuso con la classifica finale che segue:

Alguer 45 punti (9 vittorie, 1 sconfitta)
Sinnai 45 punti (9 - 1)
Olbia 26 punti (5 - 5)
Capoterra 21 punti (5 - 5)
Cagliari 5 punti (8 - 2)
Giov. Alghero 0 punti (0 -10)

L'Under 18 si prepara all'inizio del campionato

L'attività della Under 18 è iniziata presto con la preparazione atletica a partire dal 30 luglio.

Dopo due settimane di lavoro specifico con la prima squadra, l’attività è proseguita, dopo ferragosto, agli ordini del coach Sebastiano Meloni. Contiamo sulla volontà di riscatto e di coesione dei nostri giovani atleti, a cui confidiamo si affianchino altri atleti alla pratica del nostro bellissimo sport. La carenza dei numeri, la difficoltà e l’impegno necessario alla acquisizione di una buona forma fisica, ad un approccio alla disciplina ed alle regole, fanno diventare ogni anno una nuova sfida della società nel raggiungimento dell’obbiettivo della crescita del giovane e della sua introduzione nella squadra seniores.

Tutti coloro che fossero interessati a continuare o iniziare a giocare a rugby possono liberamente presentarsi presso i campi sportivi di Via Trento - Impianto sportivo Comunale di Capoterra, muniti di un certificato medico in corso di validità, il martedì e il giovedì alle 19,30, il venerdì alle 18,30.

Vi aspettiamo numerosi

Amatori Capoterra e Amatori Alghero portano l'AVIS Capoterra al record di donazioni

Si è disputato ieri un test tra le compagini sarde che parteciperanno al campionato nazionale di serie B Amatori Capoterra e Amatori Alghero.

All'interno di una giornata dedicata alle donazioni di sangue e organizzata dalla sezione Avis di Capoterra al comunale di via Trento, tra l’altro si è superato il record dell’anno scorso con ben 104 “donazioni di vita e solidarietà” come l’ha definita orgogliosamente il presidente dell’Avis Marco Mameli, che tiene moltissimo a ringraziare le associazione che hanno contribuito all'evento: Amatori Capoterra, Misericordia, Pro Loco Capoterra, Protezione Civile Capoterra, Volontariato Abos, Polisportiva Olimpia Onlus, Thalassa Azione Cagliari, Asgop, Grusap Poggio Dei Pini e all'immenso lavoro dell’Avis Provinciale Cagliari.

Il match disputatosi al pomeriggio è stato affrontato dalle due formazioni con la dovuta concentrazione e si può dire che alla fine del test gli allenatori hanno tratto degli elementi utili essendo oramai prossimi all’inizio del nuovo campionato che avrà inizio il 5 ottobre.

In sostanza l’incontro si è concluso con un pareggio 15 a 15 frutto di tre mete a testa e senza trasformazioni per volontà dei due tecnici Queirolo e Anversa. Nel primo tempo tutto per il Capoterra i che è andato a segno tre volte ed il secondo tempo all'Alghero che ha replicato con altrettante mete.

Nelle file del Capoterra hanno fatto l’esordio i due nuovi acquisti il seconda/terza linea Federico Mariottini e l’apertura Gonzalo Samuele oltre che alcuni elementi dell’under 18 (Francesco Scano, Luca Asili e Carlo Andrea Porceddu).

Molta curiosità tra i tifosi locali nel vedere schierato nelle file dell’Alghero oltre al terza linea capoterrese Sainas anche l’ex Anversa nella doppia veste di allenatore/giocatore.

Ora da domenica prossima si farà sul serio con debutto in casa per il Capoterra che affronterà i piemontesi del VII Torino mentre l’Alghero in trasferta andrà a far visita ai lombardi del Parabiago.

Sottoscrivi questo feed RSS

Login o crea un account

fb iconConnettiti con Facebook